Il nome Civielle lascia spazio a La Pergola: a Moniga sfida bio della cooperativa da 300mila bottiglie

giovedì 24th, novembre 2016 / 06:27 Written by
Il nome Civielle lascia spazio a La Pergola: a Moniga sfida bio della cooperativa da 300mila bottiglie

Hanno cambiato per rivolgersi al futuro. La storica nonché unica cooperativa enologica del Garda bresciano con sede a Moniga ha cambiato nome, legandosi al toponimo, e rivoluzionato l’estetica delle bottiglie: nata nel 1979, Cantine della Valtenesi e del Lugana, abbreviata nella sigla Civielle, è diventata Cantine La Pergola. I disegni del sole e della luna che per anni hanno contraddistinto le etichette bio, si sono convertiti in eleganti e raffinate grafiche; i nomi, invece, sono rimasti gli stessi, musicali ed evocativi: Biocòra, Selene, Eos, Elianto, Zublì, Brol, Trepiò e Carpio.

Quanto venne creata, gli avevano prospettato 6 mesi di vita e 37 anni dopo è un esempio di legame con il territorio e qualità. Costituita da 45 soci, di cui 30 conferitori d’uva, con 80 ettari coltivati produce 300mila bottiglie (un terzo Lugana, il resto Valtènesi e Garda Classico) di cui il 30% esportato, oltre che la vicina Germania, in Brasile, Canada, Australia e Cina; la metà della produzione è biologica, ma l’obiettivo è di portare a breve tutta la produzione certificata bio.

“Serviva un brand – dice Sante Bonomo, presidente della cooperativa e già presidente del Consorzio Valtènesi – che avesse un sapore che richiamasse la natura e non fosse una sigla come Civielle. La nostra è un’esperienza che nasce dai bisogni individuali di lavorare e del territorio. La nostra cooperativa è piccola, non confrontabile con la realtà delle cantine sociali. Siamo in un territorio dove il consumatore è prossimo e la nostra è una storia di sacrificio degli uomini, capacità, intuizione, legame con il territorio”.

Il nuovo brand è stato presentato con uno sguardo al passato nonché un forte legame al territorio: il 12 novembre in una giornata di degustazioni è stato presentato il libro “Agricoltura e cooperazione sul Garda Bresciano (1841- 2016)” di Pier Giuseppe Pasini. Il libro può essere sfogliato sul sito www.cantinelapergola.it oppure richiesto a info@cantinelapergola.it

Rispondi

foto golose