Si allarga la Confraternita del Groppello, la più antica in terra bresciana. In 6 giurano fedeltà all’autoctono della Valtenesi

mercoledì 16th, dicembre 2015 / 10:29 Written by
Si allarga la Confraternita del Groppello, la più antica in terra bresciana. In 6 giurano fedeltà all’autoctono della Valtenesi

Si allarga la Confraternita del Groppello, la più antica in terra bresciana. Come da tradizione alla festa degli auguri di dicembre sono stati intronizzati i nuovi confratelli, quest’anno sei, che come da rito hanno dovuto prestare giuramento con in mano un bicchiere di Groppello, il vino rosso dell’uva autoctona della Valtenesi, coltivata su circa 300 ettari e solo sulla sponda bresciana del Garda.

Non per niente il motto del sodalizio, nato nel 1970 per tutelare e celebrare il vino frutto del vitigno della Valtenesi, è in «In labore fructus et in triclinio laetitia». Presieduta oggi da Massimo Piergentili, fresco di ingresso nella Accademia Europea per le Relazioni Economiche e Culturali, è noto soprattutto per il Palio con il quale ogni anno si seleziona il miglior Groppello della vendemmia precedente (quest’anno ha vinto La Meridiana di Puegnago).

04-2015-12-05 22.33.56

Tra i membri introdotti quest’anno al Ristorante Monastero di Soiano (BS), si segnalano Antonio Tincani, titolare dell’azienda agricola La Basia di Puegnago (anche la moglie, prematuramente scomparsa un anno e mezzo fa, era membro della Confraternita), Tiberio Prati, presidente dell’associazione Amici di Don Beato Baldo attiva a Puegnago e Verona.

Al momento della sua fondazione sui giornali dell’epoca si scriveva: “La Confraternita del Groppello è nata, dunque, da un duplice atto d’amore: verso un vino generoso e provocante, e verso una terra bella e romantica come poche, da custodire con tenacia”. Un patto d’amicizia verso una fetta di terra sulla quale già incombeva “lo spettro del cattivo gusto edilizio” e verso il prodotto del suo vigneto autoctono.

11-2015-12-05 22.57.58

Rispondi

foto golose