Adunata di maitres a Sirmione per il 60° congresso internazionale

venerdì 30th, ottobre 2015 / 09:16 Written by
Adunata di maitres a Sirmione per il 60° congresso internazionale

Si conclude oggi  a Sirmione il 60° congresso internazionale dell’Amira, l’associazione dei maitres italiani di ristoranti e alberghi, che per quattro giorni si sono riuniti sul lago di Garda. Non solo momento di aggiornamento,  l’appuntamento è stato infatti occasione di condivisione con il territorio, un confronto tra gli addetti ai lavori per dare risposte alle nuove esigenze, guardando all’arte dell’accoglienza, all’uso dei prodotti tipici e stagionali e al futuro del turismo.

Tanti gli argomenti oggetto di riflessione tra sessioni congressuali, degustazioni pubbliche e gruppi di  studio; alcuni ci sono stati accennati da Ezio Campagnola, delegato Amira di Brescia: “A Booking – dice – resta il 20%; in molti alberghi lavorano cooperative rumene con una sede in Italia e una all’estero: un tempo la ricchezza che generava il turismo resta sul territorio, ora va altrove. I ristoranti hanno problemi nel rapporto tra numeri e qualità, ora c’è chi preferisce proporre qualità più bassa per guadagnare. Un tema da affrontare è quello della salute del cliente tramite il cibo. Il fatto che ci sia stato un mare di gente quest’anno sul lago non vuol dire che tutto vada bene. Il cliente è un bene prezioso che deve tornare, serve fidelizzarlo affinché giri a promuoverci soddisfatto. Poi ci sono i prodotti del territorio, ma c’è ancora chi ti propone genericamente a tavola un bianco o un rosso: serve promuovere i vini del territorio. Noi dell’Amira siamo qua per fare del buon lavoro nel bene di tutti”.

Gli oltre 150 professionisti della ristorazione e dell’ospitalità alberghiera sono stati accolti all’hotel Du Parc di Colombare e in questi giorni tante realtà gardesane hanno collaborato alla riuscita del 60° congresso e degli appuntamenti collaterali.

Rispondi

foto golose