Apéritif indienne #FFG15

mercoledì 29th, luglio 2015 / 13:30 Written by
Apéritif indienne #FFG15

I pregiudizi nostrani sulla cucina indiana sono molti, per non parlare poi di quelli sociali e culturali, però mi soffermo sui primi: cibi altamente speziati, lunghissime cotture per preparazioni complicate. La cosa è facilmente da mistificare. Però basta poco per ricredersi, basta provare. Una buona occasione è stata la cena a tema per la rassegna Food and Film – Abbiamo il cinema in pancia dell’ottavo Filmfestival del Garda, con la proiezione di “Amore, cucina e curry” all’Hotel Belvedere è stata proposta un cena fusione tra India e Francia, come del resto racconta il film:  sono stati serviti all’aperitivo roti di mais con yogurt e cipolle fritte e lassi di mango (vedi foto); all’antipasto confit d’anatra con gelatina all’ananas, per primo zuppa di pomodori e lenticchie, per secondo tikka di pollo con pommes duchesse e come dolce un morbido di creme fraiche al cocco con coulis al passion fruit.

L’aperitivo era semplicissimo, ma verrebbe meglio definito con umile. Il roti è una specie di pane azzimo al mais, molto saporito, come lo sono del resto le cipolle fritte. Mais e cipolle e yogurt. Proprio a quest’ultimo il compito di stemperare, mentre al mango quello di addolcire il palato: una cosa che la cucina italiana non è abituata a fare in un momento salato. Da capogiro il dolce, illuminato dalle sole luci della pellicola e quindi senza foto, ma pur sempre esempio perfetto della fusione culinaria della serata.

Foto pubblica su Facebook dall’ospitante Hotel Belvedere

Rispondi

foto golose