La rinascita del Bonarda di qualità: un calice in alto contro gli stereotipi.

lunedì 29th, giugno 2015 / 08:38 Written by
La rinascita del Bonarda di qualità: un calice in alto contro gli stereotipi.

Se si dice BONARDA il pensiero va subito a quel rosso frizzante di bassa qualità venduto a 1.50 euro sugli scaffali della grande distribuzione o sui ripiani degli autogrill. Un prodotto senza anima che servito ghiacciato non mostra difetti ma nemmeno pregi: si beve per il gusto di buttar giù qualcosa, al pari di una bibita. Tutto ciò ha devastato l’immagine di un intero territorio, nell’immaginario collettivo simbolo della quantità a scapito della qualità.

In questi anni un gruppo di coraggiosi vignaioli si è unito nel DISTRETTO DEL VINO DI QUALITÀ DELL’OLTREPO PAVESE, con il fine di mostrare a tutti che il Bonarda è ben altro. Nei comuni di Rovescala, Luzzano, San Damiano al colle e in tutte le colline che separano quel lembo di Lombardia dall’Emilia, la Croatina insieme all’uva rara e al Barbera vengono coltivate con amore e limitando l’utilizzo si sostanze chimiche e di solforosa, mostrando il vero aspetto del Bonarda, sia in versione ferma che frizzante. Colline in cui le vigne si sposano armonicamente con gli antichi borghi in cui ogni viuzza parla di vino, non per niente da qui passa il 45 parallelo ossia il parallelo del vino.

  

Bonarda frizzante CRESTA DEL GHIFFI– azienda agricola FRATELLI AGNES Rovescala. Rosso rubino intenso con riflessi granati, profumi di fragole e frutti rossi con sentire minerali, ottimo con salumi del territorio e con arrosti, ha la particolarità di esser una vendemmia tardiva.

   

Bonarda frizzante FRANCESCO QUAQUARINI– azienda agricola biologica QUAQUARINI Canneto Pavese. Rosso rubino con riflessi violacei, profumi vinosi e di frutta, semplice e sincero rappresenta la vera essenza del territorio. Ottimo abbinato con il risotto al Bonarda con pasta di salame di Varzi e fagioli borlotti.

2015-06-27 12.49.29  2015-06-27 12.49.38

Bonarda GIAN PAOLO VERCESI– azienda agricola biologica GIAN PAOLO VERCESI Rovescala. Rosso rubino intenso con riflessi violacei, profumi tipici di frutti rossi e fiori secchi, si presenta come un rosso strutturato con una buona sapidità. Perfetto con dei secondi di carne.IMG_0112.JPGUn disciplinare rigido, continui controlli da parte di commissioni indipendenti e la passione dei vignaioli locali sono le basi su cui ricostruire l’immagine del Bonarda e di tutto l’Oltrepo Pavese. Un calice in alto per chi combatte gli stereotipi, in questo caso Bonarda e salame di Varzi !

Rispondi

foto golose