Nasce il consorzio di tutela dell’espresso tradizionale

lunedì 22nd, settembre 2014 / 19:39 Written by
Nasce il consorzio di tutela dell’espresso tradizionale

Dodici torrefattori hanno costituito il “Consorzio di tutela del caffè espresso italiano tradizionale”. Il sodalizio, formalizzato dalla firma davanti ad un notaio a metà settembre a Conegliano (Trevis), ha lo scopo di valorizzare l’autentico espresso, sinonimo di processi produttivi e qualità italiane. L’obiettivo è molto preciso: ottenere l’inserimento del caffè espresso italiano nella lista dei beni immateriali considerati patrimonio dell’umanità e tutelati dall’Unesco.

L’iniziativa è partita in seno al Gruppo Triveneto Torrefattori Caffè, associazione che riunisce oltre 250 aziende del settore in tutta Italia. Il vicepresidente del gruppo Sergio Goppion della Goppion Caffé di Preganziol (TV) spiega: “La tutela dell’espresso italiano è già parte del lavoro quotidiano delle nostre aziende. Ora uniamo le forze per perseguire obiettivi più ambiziosi. Il riconoscimento da parte dell’Unesco sarà il punto di partenza per una sempre maggiore considerazione a livello internazionale”.

L’espresso è un prodotto tutto italiano, la cui ricetta prevede un perfetto equilibrio di elementi: la miscela; la grammatura, il grado e il tempo di macinatura; la temperatura dell’acqua e infine la tazzina nel quale è servito. Un bagaglio di storia, tradizioni e conoscenze che giustifica ampiamente il riconoscimento quale bene culturale immateriale.

Oltre alla Goppion, partecipano al consorzio i torrefattori: Bin Caffè; Caffè Cagliari; Caffè Krifi; Dersut Caffè; Esse Caffè; Hausbrandt Trieste 1892; Lazzarin Caffè; Oro Caffè; Quarta Caffè; Saquella 1856; Torrefazione Musetti e tre produttori di attrezzature per il caffè: Gruppo Cimbali; La Spaziale e Mazzer Luigi. Il gruppo tuttavia, precisano le aziende firmatarie. è aperto a tutti i torrefattori italiani che vorranno unirsi nell’opera di difesa del caffè espresso.

Rispondi

foto golose