Franz Haas, quando la tradizione si lega con l’innovazione

venerdì 15th, agosto 2014 / 09:03 Written by
Franz Haas, quando la tradizione si lega con l’innovazione

Una giornata d’agosto, uggiosa come ormai siamo abituati in quest’estate, una gita fuori porta e la voglia di assaggiare qualche sapore nuovo: queste le premesse. Le colline che circondano il lago di Caldaro, vicino a Bolzano, a far da sfondo. Vicino all’uscita di Egna-Ora si trova una delle migliori aziende agricole del sudtirol: Franz Haas. Una realtà nella produzione del nettare di Bacco che viene gestita dalla famiglia Haas dal 1880 e che ha trovato in Franz Haas l’innovatore che ha fatto fare il salto di qualità all’azienda. Etichette che sembrano opere d’arte e applicazione di tecnologie per migliorare le tecniche di cantina ma senza dimenticare che il vignaiolo deve sporcarsi con la terra.

Incontriamo il signor Haas sporco di terra nel suo centro accoglienza a lato della cantina, e nonostante i mille impegni si ferma gentilmente  a parlarci del suo lavoro, anzi della sua passione. Proprio la passione che traspare dai suoi occhi e dalle sue parole ci ha fatto capire che eravamo nel posto giusto. Franz Haas è famoso per i suoi pinot nero, il base e la sua riserva lo SCHWEIZER che viene prodotto solo in alcune annate e selezionando i grappoli in vigna.

Abbiamo degustato un  Pinot nero Schweizer 2011: i profumi di frutti rossi maturi e sottobosco si abbracciano al cuoio e ai sentori di pepe dovuti al passaggio in barrique nuove, mentre al gusto presenta tannino morbidi e una piacevole persistenza.

Nella patria del pinot nero siamo stati colpiti da 3 prodotti interessanti: il manna, il moscato giallo e il moscato rosa.

Il Manna è una cuvèe di quattro uve, Riesling Chardonnay Sauvignon e Traminer nato nel 1995 e dedicato da Franz alla madre dei suoi figli. Le uve vengono lavorate singolarmente e poi assemblate  con un certosino lavoro di cantina. Un bianco strutturato e importante in continua evoluzione che si presenta con un bel giallo dorato e con profumi che spaziano dai fiori bianchi di sambuco alla sfrutta secca non dimenticando i caratteristici profumi di rosa. Il sapore sapido e minerale è ammorbidito dall’affinamento in bottiglia. Un bianco interessante che garantisce un’ottima evoluzione.

Il Moscato Giallo, vinificato quasi per gioco nel 2010, è stata una sorpresa: il color giallo dorato tenue è accompagnato da profumi di mela, sambuco pesca bianca e agrumi. In bocca è secco con una spiccata acidità che rende questo vino un ottimo aperitivo. Profumi aromatici e fantastici sapori, una vera scoperta!

Il Moscato Rosa, un antico vitigno anch’esso riscoperto da poco, deve il suo nome al forte profumo di rosa che lo caratterizza. Le uve vengono fatte macerare per qualche giorno, poi fatte affinare i botti d’acciaio. Il colore è rosso rubino intenso, i profumi prevalenti sono quelli della rosa e dei frutti maturi con note di agrumi canditi e spezie dolci come la cannella. molto equilibrato al palato, con un ottimo rapporto fra durezze e morbidezze. Un vino da meditazione, da abbinare a piccola pasticceria secca o anche a formaggi stagionati. Degustarlo al chiaro di luna chiaccherando di filosofia.

Un’azienda moderna che rimane legata alla tradizione e al territorio, una fantastica tappa per un viaggio alla ricerca dell’eccellenza italiana. Se volete degustare i vini e visitare la cantina, Franz Haas si trova a Montagna vicino a Bolzano. per informazioni e contatti il sito è http://www.franz-haas.com.

1 Comments on “Franz Haas, quando la tradizione si lega con l’innovazione

Rispondi

foto golose