Merano WineFestival: 700 etichette di elevatissimo valore per scoprire le meraviglie d’Italia

giovedì 19th, dicembre 2013 / 10:20 Written by
Merano WineFestival: 700 etichette di elevatissimo valore per scoprire le meraviglie d’Italia

Merano WineFestivalUno degli appuntamenti enogastronomici più attesi e sicuramente il più elegante da 22 anni a questa parte è il Merano WineFestival, che con il suo respiro europeo e vini d’altissima qualità richiama sempre più enonauti, appassionati e operatori allo storico Kurhaus, nel centro storico della cittadina trentina.

L’evento si presenta ogni volta con un fitto calendario di attività davvero interessanti per gli estimatori, vantando la partecipazione di aziende che propongono solo prodotti di elevatissimo valore, sia nel “wine” che nel “food”. È proprio questo che ne decreta l’indiscusso successo e i numeri parlerebbero da soli per questo festival di riferimento per il meglio dell’enologia italiana, rappresentata da 700 etichette, cui si affiancavano 150 produttori internazionali.

Lo Sparviere, Franciacorta

Lo Sparviere, Franciacorta

Anche quest’anno l’intenso lavoro di selezione compiuto dalle commissioni d’assaggio ha portato, su campionature ricevute da oltre 750 produttori, l’ammissione solamente per 300 aziende provenienti da tutte le regioni d’Italia, con la presenza per la prima volta anche di uno spazio dedicato a dieci consorzi italiani di vino per evidenziare e far conoscere le peculiarità di ogni territorio e le sue eccellenze enologiche attraverso le sue DOC, DOCG, IGT e DOP.

Girando qua e là, passi come fossero chilometri, si sono scoperte diverse meraviglie dell’Italia. Un paesaggio, una vigna e un sapore sempre diversi. In Franciacorta merita un assaggio Lo Sparviere di Monticelli Brusati (BS), colline verdi e 30 ettari di Chardonnay e Pinot Nero: eccellente il Brut Millesimaot dal perlage fine e dai leggeri agrumi al palato, dopo 60 mesi di affinamento è da non perdere l’Extra Brut Millesimato.

Il Tocai, come nome, non esisterebbe più in Italia, ma a San Martino della Battaglia (BS) esiste ancora l’uva, più nessuno ha ormai l’abitudine di chiamare così il suo vino, un vecchio ricordo solo in parte rinfrescato dall’idea di istituire il nome in versione dialettale. In Friuli, invece, tutto lo chiamano ancora così, ma non si dice. Ed ecco quindi il Friulano, la bandiera di una regione che si può assaggiare in maniera eccellente a Prepotto (Ud) da Petrussa, dove anche lo Chardonnay si esprime bene: terreni argillosi, ricchi e limosi per un vino dalle note aromatiche molto terresti.

Sempre nell’udinese, a Manzano, una vera chicca è il Ribolla Gialla di Torre Rosazza (Tre Bicchieri Gambero Rosso 2014 per il Pinot Grigio): profumi netti e floreali, snello e gustoso al palato. Per dimostrare che la Toscana non è solo Chianti, fate un giro a Cortona da Baracchi e assaggiate il Metodo Classico Trebbiano Brut: brillante e da ristappare. Una gita non lontano da Merano? Andate a Caldaro (BZ) da Ritterhof, dove potrete godervi uno uno Sauvignon che sa distinguersi e nelle annate migliori viene anche prodotto un Pinot Grigio “Crescendo” di interesse. E tra Garda e Valpolicella c’è Zenato: un Lugana Metodo Classico Brut piacevolissimo e un Amarone degno di nota.

Merano WineFestival, formaggiOgni anno, inoltre, per i palati più esigenti che cercano esperienze sensoriali tutt’altro che banali ci sono anche le grandi degustazioni guidate con molti e pregiati vini nazionali e internazionali. L’idea è del fondatore e presidente del festival, Helmuth Köcher, e di uno dei massimi esperti di vino italiani, Ian D’Agata, che hanno offerto ad operatori e appassionati la possibilità di confrontarsi con alcune fra le più importanti e brillanti menti mondiali del vino: dal Pinot Bianco del 1950 della Cantina Kellerei di Terlano al Grüner Veltliner del 1970, vini culto della Wauchau, per arrivare al Pauillac Grand Cru 1978 di Château Grand-Puy-Lacoste, senza dimenticare le preziose annate dei Marchesi di Barolo, i grandi vini d’Alsazia, il Madeira di Barbeito e altri intramontabili come il Brunello di Montalcino di Frescobaldi.

(in parte) da Il Morso n° 3 – dicembre 2013

1 Comments on “Merano WineFestival: 700 etichette di elevatissimo valore per scoprire le meraviglie d’Italia

Rispondi

foto golose