Hans-Peter Dürr: una vita di impegno per la scienza e la pace dalle energie pulite al tema dei diritti umani.

martedì 16th, giugno 2009 / 22:26 Written by
Hans-Peter Dürr: una vita di impegno per la scienza e la pace dalle energie pulite al tema dei diritti umani.

Goethe non sbagliava quando a inizio XIX secolo nel suo Italienische Reise scriveva “questo maestoso spettacolo della natura, questo delizioso quadro che è il Lago di Garda”. A conferma di questo fascino negli anni successivi lo visitarono altri personaggi come Byron, Klimt e Pound. Per la sua bellezza sempiterna in questi giorni, oltre alle tante famigliole di turisti, ha accolto il fisico tedesco Hans-Peter Dürr, che nato a Stoccarda nel 1929, ha ricevuto il Premio Nobel per la Pace nel 1995 con il gruppo Pugwash e nel 1987 il premio Nobel alternativo per il suo impegno a favore dell’uso pacifico dell’alta tecnologia.

L’insigne scienziato e autore di saggi e articoli sul rapporto tra scienza, politica, economica e spiritualità, è arrivato sabato a Moniga del Garda per incontrarsi con alcuni connazionali per parlare di energie alternative al petrolio, al gas e al nucleare. Il perché abbia scelto il Garda, già ne aveva conosciuto la sponda veronese qualche anno fa, lo esplica con un movimento del braccio a indicare il paesaggio e dicendo: «È un posto stupendo». Alloggiato al Residence Riai, ha ricevuto anche la visita del vicesindaco Claudio Soncina e dell’assessore al turismo Luigi Alberti, che lo hanno omaggiato con una targa di Moniga e dei calici dal gambo rosa dedicati al vino Chiaretto emblema della cittadina.

Stamattina ripartiva per la Germania con una serie di viaggi futuri in giro per il mondo per spiegare che «Il nucleare può solo creare danni. Il futuro è l’energia solare». Detta da lui, è una espressione che colpisce. «Io sono un fisico nucleare – dice – ma dico che bisogna sbarazzarsi del nucleare: è troppo pericoloso per noi. Può essere solo un disastro. Perché dovremmo costruire un reattore quando abbiamo il sole? Le grandi centrali nucleari sono un’idea antidemocratica che centralizza le fabbriche». Ognuno deve fare la sua parte, perché la democrazia non è solo votare il presidente: «Significa anche che tu sia coinvolto nel creare il futuro».

Dürr è uno dei tre firmatari del Manifesto di Potsdam, secondo cui ambiente economia società sono i tre filoni essenziali lungo i quali può e deve realizzarsi uno sviluppo sostenibile. Il Manifesto si richiama all’appello di Einstein e Russel del 1955 contro le armi atomiche, che anche secondo l’ospite gardesano «dovrebbero scomparire» e le centrali nucleari giocano un ruolo fondamentale: «Il maggiore pericolo è lo scarto radioattivo contenente plutonio che può essere utilizzato per armi come quella di Nagasaki. In Nord Corea l’hanno utilizzato».

Il fisico tedesco è anche uno dei «founding councillors» dell’Ong World Future Council, che lavora per un futuro sostenibile in vari campi tra cui quello dei diritti umani, un tema d’attualità in Italia per la questione dei clandestini respinti in mare: «Si violano diritti umani in questi casi, ma dovremmo fare in modo che per ogni persona non sia necessario lasciare la propria terra. Ognuno dovrebbe avere un pezzo di terra dove sopravvivere, perché la dignità umana è provvedere a se stessi, alla famiglia». «Democrazia – conclude Durr – non significa che tutti sono uguali, ma che devono avere le stesse possibilità».

Rispondi

foto golose